Le aziende che vendono i loro prodotti nei mercati esteri, in buona percentuale, sono quelle che meglio stanno affrontando l’attuale situazione economica, per diversi motivi:

  • Aumento del giro d’affari: vendendo su nuovi mercati, raggiungono nuovi consumatori;
  • Aumento dei profitti: se le vendite nei nuovi mercati coprono capacità inespresse e non fanno aumentare i costi fissi, aumenta anche il profitto.
  • Diversificazione geografica del rischio: operando su diverse aree geografiche si ha una ripartizione del rischio legato alla congiuntura.
  • Economia di scala: se le vendite estere raggiungono numeri consistenti, l’azienda crescerà e riuscirà a sfruttare i vantaggi dimensionali, ad esempio, negli acquisti e nella struttura;
  • Aumento del knowhow: questo avviene, ad esempio, se l’azienda, interagendo con nuovi clienti, riesce a trovare nuove soluzioni e sviluppare o apprendere nuove idee;
  • Sviluppo di nuovi contatti: la presenza sui mercati internazionali può favorire la conoscenza di nuovi contatti e dare nuove opportunità;
  • Benefici d’immagine: le aziende che esportando crescono, sono viste di buon occhio anche nel mercato interno.
  • Benefici interni: le competenze e le risorse provenienti dalle esperienze fatte sui mercati internazionali possono rivelarsi d’aiuto anche nel mercato interno.
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle opportunità dell'export

Grazie di esserti iscritto alla newsletter!

Share This